Un tavolino dimenticato in soffitta, la credenza malconcia della nonna, un vecchio cassettone trovato in qualche mercatino, possono diventare mobili pregiati grazie ad un intervento di restyling.

Vecchio cassettone
Prima – Foto via Pinterest
Vecchio cassettone
Dopo – Foto via Pinterest

Un mobile vecchio, o antico, suscita sempre un fascino particolare. Curare, riparare una sedia, un tavolino, un armadietto trovati abbandonati in soffitta o acquistati dal rigattiere e utilizzarli per impreziosire un angolo della propria casa può diventare un piacevole hobby in grado di regalare grandi soddisfazioni. Per lavorare il legno, è però necessario conoscerne le esigenze, in modo da praticare interventi efficaci e duraturi.

Se la vostra intenzione è quella di rinnovare un vecchio mobile, semplicemente cambiandone la colorazione, in pochi semplici passi, vi darò le indicazioni principali per riuscire a farlo da soli:

  •  carteggiare -> per una ottimale presa della vernice, è necessario carteggiare il legno, così da rendere la superficie levigata e ben pulita. Viene commercializzata a grane diverse: quella fine si adopera per i legni molto teneri e per gli ultimi ritocchi; quella grossa si utilizza per i legni duri e per appianare le asperità più rilevanti;
  • applicare la base -> a questo punto, una volta preparato il legno, è possibile passare uno strato di cementite, materiale che farà da tramite fra il legno e la vernice che andrà poi applicata. Per una resa ottimale, è consigliabile passarne due mani;
  • applicare la vernice -> infine, una volta passata la seconda mano di cementite, potrete sbizzarrirvi ad applicare la vernice che più vi piace (anche per la vernice è consigliabile passarne due mani).

 

Carta vetrata
Cementite
Vernici

..see you soon ♥

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *