Eccomi tornata per il secondo episodio di “Questioni di luce” 🙂 oggi vedremo come e dove disporre le lampade da terra!

foto by Pinterest

Spesso non troppo belle da vedere ma credetemi indispensabili per illuminare alla perfezione un ambiente, specialmente una zona lettura, in quanto la luce è più vicina e diretta di quella di una lampada da tavolo. Le lampade più adatte alla lettura sono quelle con braccio allungabile e paralume piccolo (es. quelle con paralume metallico, chiuso sopra, che indirizza la luce verso il basso), spesso style industriale.

Lampada da terra
foto by Pinterest
foto by Pinterest

Buono a sapersi √

L’altezza delle lampade dovrebbe essere minore di quanto pensiamo: infatti, per una lettura ottimale, il paralume dovrebbe stare sotto il livello degli occhi, in modo da illuminare la pagina, e non la testa di chi legge!

foto by Pinterest

 

foto by Pinterest

Ma vediamo quali caratteristiche deve avere un buon angolo lettura:

  • poltrona a braccioli (da sola o fra altre poltrone o divani)
  • tavolino basso di servizio (all’altezza del braccio o più basso)
  • lampada da lettura (meglio se con fascio di luce diretto sulla ns. poltrona da lettura)
  • poggiapiedi, sgabellino o pouf (altrimenti, se state più comodi, potete anche poggiare i piedi sul tavolo basso!)
foto by Pinterest

Oltre alla zona lettura le lampade da terra, le possiamo utilizzare come luce d’atmosfera per il relax serale oppure all’ingresso, come luce di cortesia, appena si entra in casa. Si utilizzano per la maggior parte al bisogno, tanto che la loro accensione spesso dipende da un interruttore oppure dal tasto apposto sulla lampada stessa.

Infine ancora, si possono collocare nella camera da letto o nella zona giorno, per creare un’atmosfera riposante o per riempire uno spazio vuoto. In questo caso sarà meglio optare per un paralume di stoffa e aperto da entrambe le parti, per facilitare la diffusione della luce verso tutta l’area.

Per modulare l’intensità di luce di queste lampade viene utilizzato il sistema dimmer (dal verbo inglese to dim: abbassare, attenuare una luce), che da appunto la possibilità di scegliere il grado di luce che si vuole, dal più basso al più potente.

foto by Web
foto by Pinterest

…nel prossimo episodio -> Applique da parete..see you soon ♥

Testi e grafica: Manuela Del Bufalo – DesignSottovuoto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.